Mulino Strinati (Bardi)

Nella mappa catastale del 1825 Mulino Strinati era classificato come “Mulino da grano” intestato a Gian Battista ed Antonio Strinati. Già alla fine degli anni ’80 l’opificio, che originariamente comprendeva due coppie di macine azionate da ruote a ritrecine, era disattivato da anni.

Il fabbricato ha subito dei lavori di restauro ed attualmente si presenta come abitazione privata. I segnali sulla struttura che indicano la passata presenza di un mulino sono nella facciata est dell’edificio dove si possono ancora vedere i conci in pietra posizionati a formare gli archi di scarico appartenenti al vano dei ritrecini. Inoltre, adiacente al lato est del fabbricato, è tuttora presenta il canale di derivazione delle acque con la paratoia.

Osservando la facciata esterna si può notare che è ben evidente l’utilizzo di tre diversi materiali costruttivi corrispondenti ad altrettante epoche: la parte più bassa dell’edificio, comprendente anche il vecchio vano dei ritrecini, è in pietra squadrata grigia; la parte centrale è in pietra sbozzata locale; mentre la porzione sottostante al tetto, frutto di un recente restauro, è in laterizio.

bibliografia

Flavia De Lucis, Alberto Morselli, Lorenza Rubin, Aqua masnada : mulini e mugnai dell’Appennino reggiano e parmense, Reggio Emilia, C.P.C.A., 1990.

 

Informazioni aggiuntive

Classe tipologica

Tipologia

Comune

Vallata

Stato di conservazione

Destinazione d'uso storica

Mulino

Destinazione d'uso attuale

Abitazione civile

Proprietà

privata

Rilevatore / compilatore

,